vecchi jeans

Blog1957

amo

i luoghi

deserti dell’anima

le tappe del pensiero

le speranze,

poche

le persone

che hanno attraversato

catturato la mia attenzione

il mio esistere,

pochi

i sogni avverati

sfiorati

toccati nelle tasche

di vecchi jeans,

e sono qui

a cercare visioni emozionanti

per ricordare

ricostruire

un vecchio passato

che non vuol morire.

View original post

del teatro

Blog1957

sento già

gli attori per strada

dire che il peggio è passato

piccole lucertole

che del teatro ne capiscono

formiche tra le fessure del pavimento

che recitano

grilli che cantano della pandemia morta

insetti senza respiro,

ma io ancora non lo credo

ho sempre camion di bare negli occhi.

View original post

commedia

dove

il sole cade

si fermano i pensieri

e i colori,

di tutto un giorno

posso sorridere

ma poi

si ritorna,

canzoni

e voli di gabbiani

hanno invaso il sangue

che scorre,

devo abituarmi

a combattere ogni ostacolo

ogni cattivo esempio

ed ogni stupida arroganza.

cancelli

costruiscono palazzi

brutti fuori e brutti dentro

per contenere chi non osa

chi non chiede

chi vegeta,

qui dentro

sanno curare e sedare

sanno calmare chi non dipinge tele

non scrive romanzi

non ama,

noi normali

passiamo veloci dalla strada

oltre quei cancelli per non sentire

non vedere

non capire.

lombardia

troppi

contagi ancora

troppa gente

che s’illude

evitando la distanza

non mettendo la mascherina

e rimanendo a casa il meno possibile,

sale il caffè per fortuna.

cielo del mattino

s’apre

il buio ora

cosi come lo vedo

davanti,

la notte che sfuma

lentamente

lascia il segno

come sempre,

il rumore delle labbra

è ancora in mente

nei vortici dei baci dell’amore

e dell’amplesso.